Se un preventivo non viene accettato vuol dire che sono stati commessi degli errori…

Infatti, se analizziamo la persona che si siede sulla poltrona dobbiamo considerare che:

– è una persona reale, di genere ed età definite, con una data situazione famigliare (sposata, single, con figli o no, ecc.), con un determinato livello di istruzione e con un lavoro (dal quale si può presupporre ne derivi un certo reddito), ecc.

– è una persona che ha un bisogno percepito (clinico, estetico, funzionale, masticatorio, psicologico, ecc.), altrimenti non sarebbe seduto su quella poltrona! 

– è una persona che è venuta volontariamente

– è venuta in studio e quindi ritiene che gli operatori clinici abbiano le capacità professionali per soddisfare le sue esigenze  

N.B.: L’affermazione: “ci sono persone che fanno il giro delle sette chiese per scegliere dove costa meno”, è riduttiva. I casi di questo genere, sulla totalità delle visite, rappresentano una percentuale  marginale. 

Il Preventivo è il momento fondamentale per qualsiasi azienda, anche di quella odontoiatrica.
Senza preventivi accettati non ci sono terapie da eseguire. 

Per questo il percorso che inizia da prima della visita e si conclude con la presentazione di un preventivo (piano di cura) deve essere un lavoro di team: il medico che motiva, l’assistente che contribuisce a mettere a suo agio il paziente, la segretaria che presenta il preventivo e che discute delle modalità di pagamento tenendo (anche) conto delle esigenze del paziente .

Nel tuo studio curi tutto al meglio per questo importante momento?

Se vuoi avere una consulenza che ti aiuti ad aumentare il numero dei preventivi accettati contattaci! +39 392 9596931